Skip to content

OKOME.US

Okome Scarica

SCARICA FILM DEAGLIO


    Acquista il film Quando C'era Silvio di Enrico Deaglio, Beppe Cremagnani, okome.us S.p.A.. Scarica subito la nostra APP. Scarica. Enrico Deaglio (Torino, 11 aprile ) è un giornalista, scrittore e conduttore televisivo italiano A causa del contenuto del film, la procura di Roma, pochi giorni dopo, ha aperto Crea un libro · Scarica come PDF · Versione stampabile​. Uccidete la democrazia! Memorandum sulle elezioni di aprile è un film dei giornalisti italiani Enrico Deaglio e Beppe Cremagnani, Stampa/esporta. Crea un libro · Scarica come PDF · Versione stampabile. Scarica ora l'app di Audible e inizia ad ascoltare audiolibri sul tuo dispositivo, film sulla nostra vita, in cui gli avvenimenti sono raccontati mentre succedono. Landolfi: "Disinformazione faziosa, tesi eversive e verità di parte" Giulietti: "​Proietteremo il documentario a Montecitorio". Film di Deaglio sui.

    Nome: film deaglio
    Formato:Fichier D’archive (Film)
    Sistemi operativi: Android. Windows XP/7/10. iOS. MacOS.
    Licenza:Solo per uso personale (acquista più tardi!)
    Dimensione del file:13.30 Megabytes

    SCARICA FILM DEAGLIO

    Il montaggio è praticamente ultimato, manca solo qualche ritocco. In uscita il 24 novembre come Dvd accluso a Diario. Alla fine siamo riusciti a trovare i dati ufficiali. Si sa solo che le bianche in queste elezioni sono crollate a La statistica non è una scienza esatta.

    La fatidica notte del quasi sorpasso della Cdl. Ma lo incontrerà ancora in quella lunga notte. Deaglio non vuol rivelare tutto del film.

    Deaglio non vuol rivelare tutto del film.

    Al mattino presto, nel buio e nel silenzio della casa, scaricare il giornale sul tablet. Lo sguardo sul mondo.

    Scarica anche: SCARICARE LIVESCORE

    Le mie firme preferite, che leggo a prescindere dal tema dell'articolo. La Stampa è uno dei miei pochi vizi quotidiani, da più di 30 anni, e non voglio smettere. Sono abbonato per finanziare una informazione di qualità, meno dipendende da pubblicità e mode del momento.

    In particolare trovo molto utile La Stampa Top News: posso rimanere aggiornata in modo veloce e comodo senza rinunciare alla qualità. Mi piace la posizione poco allineata ma autorevole. Riportate le notizie senza farvi influenzare, in modo libero. C'è quindi una differenza di 1.

    Questo dato è sicuramente anomalo, ma non è detto che sia statisticamente impossibile. La cosa che fa nascere molti dubbi è l'omogeneità con cui le schede bianche si siano distribuite su tutto il territorio nazionale.

    E' effettivamente un dato che sorprende a prima vista, ma che, come vedremo, è solo un'"illusione ottica". Ma procediamo per gradi. Nei seggi elettorali?

    In sede ministeriale? O durante la trasmissione dei dati? E' quello che si chiedono anche i due autori che ovviamente proveranno a dare una risposta. Nel film viene intervistato un programmatore americano che ha realizzato un software che permette di "truccare" la percentuale di schede bianche durante la trasmissione dei risultati dalle sedi locali a quella centrale. E' infatti improponibile l'ipotesi in cui in ogni seggio elettorale ci siano state persone che abbiano alterato il risultato: fortunatamente i seggi sono presieduti da rappresentanti di lista e forze dell'ordine.

    E infatti questa tesi è improponibile e viene subito abbandonata da Deaglio e Cremagnani. Allora non resta che ipotizzare che i dati siano stati "truccati" durante il trasferimento telematico dalle varie prefetture al ministero degli Interni.

    Enrico Deaglio alla Festa in Comune: in Italia c’è sempre nostalgia dell’uomo forte

    Quindi, per dirla in breve, il baro sarebbe stato l'allora ministro degli interni Beppe Pisanu. L'ipotesi sembra essere più verosimile anche in considerazione degli strani comportamenti avuti da Pisanu in quella famosa notte: una prolungato e inspiegabile ritardo nella diffusione dei risultati, le interruzioni di comunicazioni con le circoscrizioni locali oltre ai 2 o 3 incontri sospetti che Pisanu ebbe con Silvio Berlusconi mentre doveva presiedere le operazioni di scrutinio.

    E allora cosa sarebbe successo? Secondo i due autori, un software installato probabilmente nel server centrale del ministero avrebbe modificato i dati provenienti dalle diverse prefetture. Più precisamente avrebbe spostato i voti "bianchi" in voti per "Forza Italia". E proprio grazie a queste tabelle riesce a fare un confronto con le passate elezioni e a verificare l'anomalo dato delle schede bianche.

    La bomba. Cinquant'anni di Piazza Fontana - Enrico Deaglio - Libro - Feltrinelli - Fuochi | IBS

    A questo punto si intuisce che le tabelle in possesso della giornalista siano quelle "falsificate", cioè NON quelle che riportano il numero esatto di schede bianche provenienti dalle prefetture, ma quelle in cui le schede bianche sono state modificate in voti per Forza Italia.

    Già, ma se hai in mano queste tabelle e vuoi verificare se il dato in esse contenute è effettivamente quello trasmesso dalle prefetture, cosa fai? Se sostieni che durante il passaggio dalle prefetture al ministero, i dati siano stati modificati illecitamente, come fai a dimostrarlo?

    E mi chiedo: perchè non lo hanno fatto? Non ci sono andati? No, non hanno fatto nemmeno una ricerca su Internet.

    Ricevi la Newsletter!

    Ma come è possibile? Dicono che nel passaggio dalla prefettura al ministero i dati siano stati "truccati", riescono ad ottenere i dati del ministero truccati e a quel punto non ti preoccupi di andarli a confrontare con quelli delle prefetture locali?

    Sarebbe la pistola fumante E invece i due cercano di dimostrare il broglio proprio utilizzando come prova la bassa percentuale di schede bianche: in altre parole usano l'indizio come una prova. Beh io c'ho messo dieci minuti per trovare i documenti sui vari siti delle prefetture. Ora si suppone che i documenti siano attendibili, a meno che non si voglia ipotizzare che un gruppo di hacker di Forza Italia sia penetrato nei diversi siti delle prefetture ed abbia cambiato anche i loro dati ufficiali.

    Statisticamente anomalo ma non impossibile. Bene, andiamo sul sito della prefettura di Benevento, Ufficio territoriale del governo. Le schede bianche dichiarate dalla prefettura di Benevento sono 4. Ma andiamo anche in un'altra provincia.

    Dopo 1 ora, 3 minuti e 57 secondi, il filmato mostra la seguente tabella: Guardate il dato di Cosenza perché questo è un caso singolare e divertente: 9. Qui effettivamente un errore di trasmissione c'è stato, ma in questo caso le schede bianche contate dal ministero sono addirittura aumentate!!!